GRECIA


external image images?q=tbn:ANd9GcSO9cQqT1N7U5pHrllafQkKLUQd2Gm2-Pxit7ji7CeKuGfSlDub




Dati amministrativi
Lingue ufficiali
Greco
Capitale
Atene (745.514 (comune), 4.013.368 (area metropolitana) ab. / 2007)
Politica
Forma di governo
Repubblica parlamentare
Ingresso nell'UE
1º gennaio 1981
Superficie
Totale
131.940 km² (94º)
% delle acque
0,86 %
Popolazione
Totale
11.295.002 ab. (2010) (74º)
Densità
84 ab./km²
Economia
Valuta
Euro


external image 8754456-bandiera-della-grecia-su-sfondo-bianco-close-up.jpg



external image cartina-europa-maps-europe-300x211.jpg

external image 350px-Greece_topo.jpg


La Grecia è uno Stato membro dell'Unione Europea e situato nell'Europa meridionale, il cui territorio coincide in gran parte con l'estremo lembo sud della penisola balcanica.
Confina a Nord con Albania, Repubblica di Macedonia e Bulgaria, oltre che con la Turchia a nord-est. È bagnata dal Mar Egeo a est e a sud, mentre il suo versante occidentale è bagnato dal Mar Ionio. Più di 1/5 della superficie totale è composta da oltre 3000isole e isolotti, 167 delle quali abitate.






IL TERRITORIO

L'80% della Grecia è montuoso, il che ne fa uno dei più montuosi Stati d'Europa. La catena montuosa del Pindo si estende da nord-ovest a sud-est attraverso il centro del paese; estensioni della stessa catena si diramano formando il Peloponneso e molte delle isole dell'Egeo, inclusa Creta. La Grecia centro-occidentale contiene alti e ripidi picchi tagliati da canyon e altri fenomeni carsici, come a Meteora e nelle Gole di Vikos . Il Monte Olimpo, tra Tessaglia e Macedonia, è il monte più alto della Grecia ; altri monti della zona sono i Rodopi, che segnano il confine tra Grecia e Bulgaria. Le poche pianure della Grecia si trovano principalmente nel nord-est del paese: Tessaglia orientale, Macedonia e Tracia. Laghi e zone umide sono perlopiù diffusi nelle regioni occidentali.


IDROGRAFIA

I fiumi hanno un percorso breve e torrentizi. Tra i principali abbiamo l' Aliàkmon e il Penéios, che sfociano nel Mar Egeo; l' Achelòos che si getta nel Mar Ionio.
Dalla Macedonia proviene l' Axiòs.
I laghi sono molto ampi ma il più vasto è quello di Trihonida nella regione centro-occidentale.


LE COSTE E LE ISOLE
external image ionio.jpg

Le coste sono alte frastagliate con numerosi golfi.
Le circa 2000 isole sono situate nel mar Ionio ed Egeo: nello Ionio si trovano le isole Ionie e nell'Egeo sono distribuite le Sporadi settentrionali e meridionali.
Di fronte alle coste del Peloponneso si trova l'isola di Creta, la più grande delle isole greche








CRETA
Creta – Veduta
Creta – Veduta



Creta è l'isola più grande della Grecia e la seconda dopo Cipro del Mediterraneo orientale. Ha forma allungata: si estende per 260 km in direzione est-ovest, mentre la sua larghezza nord-sud è di al più 60 km ; a nord è bagnata dal Mare di Creta e a sud dal Mar libico. Si trova a circa 160 km più a sud della Grecia continentale.Creta è caratterizzata da una catena di monti che la attraversa da ovest a est.Questi monti racchiudono fertili altopiani, caverne e gole (famose le gole di Samariá).

In queste zone si possono trovare specie autoctone, come la capra cretese o kri-kri e il gipeto
Kri kri.jpg
Kri kri.jpg


Gypaetus barbatus by Naumann.jpg
Gypaetus barbatus by Naumann.jpg
















Sono presenti sull'isola anche alcuni brevi torrenti, come il fiume Ieropotamos nella parte meridionale.Creta è attraversata da due diverse fasce climatiche, la mediterranea e la nord-africana. Nella fascia mediterranea, il clima è prevalentemente temperato, umido o meno a seconda della distanza dal mare, con inverni particolarmente miti; la neve è abbastanza comune sulle montagne nel periodo tra novembre e maggio, mentre è ben più rara in pianura, specialmente presso le coste dove resiste solo pochi minuti. L'estate cretese nella fascia mediterranea porta sull'isola temperature medie di circa 30 °C, con massime fin oltre i 40 °C. La costa meridionale, compresa la Pianura di Messara e i Monti Asterousia, appartiene invece alla fascia nord-africana.


IL CLIMA

Il clima della Grecia si divide in tre zone.
  • Il clima mediterraneo (inverni miti e umidi, estati calde e secche) si trova principalmente nelle isole e lungo le coste;
  • Il clima temperato (inverni freddi e umidi, estati calde e secche) si trova nella zona centro-orientale della parte continentale del paese, soprattutto in Macedonia e Tracia
  • Il clima di montagna si trova principalmente nella Grecia occidentale, dove le montagne sono più elevate e il mare è più distante


STORIA

Le radici della civiltà greca risalgono a quando sull' isola di Creta e poi nella città di Micene si svilupparono due grandi e distinte civiltà .Successive ondate di popoli indoeuropei si riversarono nella regione fondendosi e dando origine alla civiltà greca, detta anche ellenica. Attorno all'VIII secolo il territorio fu organizzato in città-stato, tra le quali si imposero per poter e e ricchezza Sparta e Atene.
Dopo il periodo classico la Grecia fu assorbita nell'Impero Macedone di Alessandro Magno, per poi divenire parte dell'Impero Romano e quindi di quello bizantino.
Nel XV secolo entrò a far parte dell'Impero Ottomano.
Nel 1830 ottenne l'indipendenza: nacque il Regno di Grecia. Durante il periodo monarchico si sono verificate complesse vicende politiche e militari, tra le quali l'occupazioni delle truppe italo-tedesche e una sanguinosa guerra civile scoppiata alla fine del conflitto mondiale.
Nel 1967 si è insediata una dittatura durata fino alla proclamazione della repubblica nel 1975.
è entrata a far parte dell'UE nel 1981.


ECONOMIA

La Grecia ha oggi problemi di debito del bilancio pubblico, cioè un eccesso di spese rispetto alle entrate.
La sua economia è ancora quasi al 50% guidata dallo Stato ed è tra le più arretrate del continente.
Per quanto riguarda il settore primario (11,4% di occupati) la produzione agricola limitata dalla natura del territorio, presenta colture tipiche dell'ambiente mediterraneo: olivi e vite. Altri prodotti sono cereali, ortaggi, fichi, agrumi, cotone e tabacco. L'apicoltura è ampiamente diffusa, mentre la pesca copre il fabbisogno interno. Rinomata è la raccolta delle spugne.
Le risorse minerarie sono scarse e limitate all'estrazione di lignite, bauxite e nichel.
Il settore secondario (19,5% di occupati) presenta aspetti di arretratezza per la scarsa diversificazione della produzione. Le industrie più produttive sono quella metallurgica, siderurgica, alimentare, tessile, chimica del tabacco, del cuoio e del pellame. La maggior parte della produzione si concentra ad Atene, Patrasso e Salonicco.
La Grecia affida una parte consistente della propria economia al settore terziario (69,1% di occupati) che produce il 77% del PIL. Il turismo riveste una particolare importanza, grazie alla bellezza e varietà dell'ambiente naturale e alla ricchezza del patrimonio archeologico.
TRIREME, nave antica da guerra greca
TRIREME, nave antica da guerra greca


Per quanto riguarda le vie di comunicazione, la rete stradale è abbastanza sviluppata, invece quella ferroviaria è inadeguata; è in crescita quella aerea.
La Grecia dispone della più grande flotta mercantile d'Europa e i commerci rivestono un ruolo primario nell'economia del paese.














ATENE
L'acropoli di Atene
L'acropoli di Atene



La storia di Atene ha origini nella mitologia: sarebbe stata creata per opera della Dea Atena, dalla quale prende il nome. Atene fu la prima città ad adottare una forma di governo democratica. La città ha conosciuto lunghi periodi di crisi: all'inizio dell'800 era ridotta a una borgata di poche centinaia di case. Sorge in una pianura costiera, nella parte meridionale della penisola greca, con un'area metropolitana molto estesa dove vive circa il 30% della popolazione greca. Il porto di Atene, il Pireo, è tra i maggiori scali commerciali del mediterraneo.
Atene è una metropoli cosmopolita ed è il centro economico, finanziario, industriale e culturale della Grecia, e ha una notevole importanza a livello europeo ma anche mondiale.
È nota in tutto il mondo per essere stata la sede dell'accademia di Platone e il liceo di Aristotele, oltre che aver dato i natali a Socrate, Pericle, Sofocle e molti altri filosofi e personaggi importanti dell'antichità. È stata inoltre una fiorente Polis ed è considerata la culla della civiltà occidentale. In anni più recenti è stata al centro dell'attenzione di tutto il mondo per aver organizzato con successo i Giochi della XXVIII Olimpiade nel 2004 e per l'inaugurazione del Nuovo Museo dell'Acropoli nel 2009, che ha riaperto il dibattito riguardante i Marmi del Partenone.



IL PARTENONE

external image 300px-2006_01_21_Ath%C3%A8nes_Parth%C3%A9non.JPG

Il Partenone è un tempio greco, periptero (tempio antico circondati da un portico con colonne) diordine dorico dedicato alla dea Atena, che sorge sull'Acropoli di Atene.

Questo tempio è il più famoso reperto dell'antica Grecia; è stato lodato come la migliore realizzazione dell'architettura greca classica e le sue decorazioni sono considerate alcuni dei più grandi elementi dell'arte greca. Il Partenone è un simbolo duraturo dell'antica Grecia e della democrazia ateniese e rappresenta senz'altro uno dei più grandi monumenti culturali del mondo.

Il nome del Partenone deriva dalla monumentale statua di culto crisoelefantina realizzata da Fidia, raffigurante Atena Parthénos e ospitata nella stanza orientale della costruzione. L'epiteto di Atena si riferisce allo stato di nubile e "vergine" della dea, nonché al mito della sua creazione, per partenogenesi, dalla testa di Zeus.

Il Partenone sostituì il più antico tempio di Atena Poliàs che era stato distrutto dai Persiani nel 480 a.C., al tempo di Serse (guerre persiane). Come la maggioranza dei templi greci, il Partenone fu utilizzato come tesoreria e, per qualche tempo, servì come tesoreria della lega di Delo, che diventò, successivamente, l'Impero ateniese.Nel VI secolo, il Partenone venne convertito in una chiesa cristiana dedicata alla Madonna; dopo la conquista turca, fu convertito in moschea. Nel 1687, durante l'assedio di Atene da parte della Repubblica di Venezia, il Partenone fu colpito da una cannonata che fece scoppiare la polvere da sparo lì depositata; l'esplosione danneggiò seriamente il Partenone e le sue sculture.

Nel XIX secolo, Lord Elgin rimosse alcune delle sculture rimanenti e le portò in Inghilterra. Queste sculture, conosciute oggi come marmi di Elgin, sono in mostra al British Museum. Il governo greco e parte della comunità internazionale ne richiedono da molti anni il rientro in patria.

Il Partenone, insieme agli altri edifici sull'Acropoli, è oggi uno dei siti archeologici più visitati in Grecia. Il Ministero greco della cultura grazie ai finanziamenti per i Giochi Olimpici del 2004 e ai finanziamenti giunti dall'UNESCO, ha inaugurato un imponente progetto di restauro, tuttora in corso.

Il Partenone è un Tempio doricooctastilo e periptero con caratteristiche strutturali ioniche. La ricchezza delle decorazioni nel Partenone è unica per un classico tempio greco. Non va in contrasto, comunque, con le funzioni del tempio-tesoreria. Nell'opistodomo (la stanza sul retro della cella) erano depositati i versamenti monetari della lega di Delo di cui Atene era il membro capo