L'ASIA IN GENERALE

‍‍‍‍‍‍‍‍‍





external image mappa_asia_politica.jpg
external image mappa_asia_fisica.jpg
L'Asia è il continente più esteso del pianeta, costituisce quasi un terzo delle terre emerse.
Si può dividere principalmente in cinque grandi regioni geopolitiche
-Asia occidentale (Medio oriente)
-Asia centrale

-Asia del Sud

-Asia del Sud-est

-Asia orientale


IL TERRITORIO
Il territorio presenta catene montuose imponenti, vastissime e i laghi più grandi del
pianeta.
Anche in questo caso possiamo suddividerlo in tre vaste regioni morfologiche:
-la regione settentrionale caratterizzata dal bassopiano e altopiano siberiano, e
delimitate dalla catena montuosa dei monti Urali a Ovest e i monti di Verhojansk a Est.
-la regione centrale presenta un sistema montuoso molto complesso e le catene
montuose con le cime più alte del mondo (Everest e K2).
external image everest_large%255B1%255D.jpg

In oltre comprende l'altopiano del Tibet.

-la regione meridionale che comprende la penisola Arabica e Indiana e caratterizzata da fertili pianure. comprende in fine gli arcipelaghi giapponese, indonesiano e filippino.
L'IDROGRAFIA
L'Asia possiede tantissimi fiumi (alcuni dei quali sono tra i più lunghi o con maggior portata del mondo).

Fiume Giallo,fiume Azzurro,Sikiang,Mekong,Gange,Indo,Brahmaputra,TIgri e Eufrate,Ob e

Lena. Per importanza ricordiamo il Gange, fiume sacro per la religione induista, il fiume

Giallo il Tigri e l'Eufrate dove si stabilirono Babilionesi,Assiri e Sumeri.
external image images?q=tbn:ANd9GcSdfMK10XQeSEiMtS8gj_7l2LQ2fRyU97UwmV2VD3ht8Q8TDPDy-A

L'Asia comprende in oltre il mar Caspio, lago più vasto del mondo,e il mar Nero
L'Asia si caratterizza anche per il complesso sistema costiero che presenta penisole, isole
e arcipelaghi. Tutte le coste asiatiche sono molto frastagliate.
IL CLIMA
Essendo molo estesa l'Asia presenta una grande biodiversità e moltissimi tipi di climi. Di conseguenza anche le precipitazioni hanno un andamento molto differenziato.

CLIMI E AMBIENTI MATURALI

-CLIMA POLARE: tundra e taiga
external image images?q=tbn:ANd9GcTcyFccdo90GLA54vlynTtoFVnlnHO4beJKxYTeQRUp5K20TJEs



-CLIMA NIVALE: alta montagna
external image trekking-a-cima-vertana---vertainspitze-alta-montagna.jpg




-CLIMA ARIDO: steppe
external image images?q=tbn:ANd9GcSSLne-TSca-yxokbuaKGZPrRd08mzGeAXJSIm7MzUFl5KpcPBN



-CLIMA UMIDO: praterie e foreste di latifaglie
external image prateria.jpg



-CLIMA TROPICALE UMIDO: foreste e savana a boscaglia
external image images?q=tbn:ANd9GcQtSSsRwx7xVusIe54YJkgMvtOKJGADUgkWGOuYBrs5ZTMkpSTJ



-CLIMA EQUATORIALE: foresta pluviale
external image 1282118241.jpg




-CLIMA MEDITERRANEO
external image biomi-1-gif.gif

LA STORIA
L'Asia fu culla di moltissime tribù che si stabilirono sui molteplici fiumi del continente, come i Babilonesi e gli Assiri.
Un evento particolarmente importante fu la nascita dell'Islam con la formazione di un grande, primo, impero islamico.
Contemporaneamente al periodo dell' Alto Medioevo nell' Asia orientale precisamente in Cina, Giappone e India cominciò un grande sviluppo di arti e scienze. Invece in Asia occidentale, a metà del 1400, si concretizzava il dominio ottomano che nel 1453 concuistò costantinopoli e costiuì un grande impero che avrebbe avuto il controllo del mediterraneo orientale per alcuni secoli.

LA PALESTINA
external image 220px-Mandatory_Palestine_location_map.svg.png

La Palestina è un area che si estendetra il fiume Giordano, il Golfo di Aquba e il Mediterraneo. Dopo la distruzione di Gerusalemme da parte dei Romani cominciò la diaspora degli Ebrei ovvero la dispersione nel Mondo.
Questo e la dissoluzione dell' impero Ottomano nel XX furono le cause dell conflitto tra Palestinesi e Israeliani.
Fino alla Prima guerra mondiale, la Palestina era sotto in controllo dei Turchi e poi, finita la guerra, affidata al Regno Unito. Dopo la Seconda guerra mondiale si formò Isdraele (1948) perciò moltissimi Ebrei affluirono lì e considerarono la Palestina una propria terra, a causa di tutto ciò la Palestina diventò un teatro di guerre tra Israeliani e Arabi. L'ONU intervenì con un piano di spartizione che però non fu riconoscuto dalla parte arabo-palestinese. Scoppiò così la prima guerra fra Israeliani e Palestinesi. La vittoria israeliana provocò la cacciata di molti Palestinesi (nasce il problema "profughi"). Quasi un milione di persone fu costretto a lasciare la propria terra e a rifugiarsi negli stati confinanti. ci furono moltissime altre guerre di questo tipo. Nel 1967 (Guerra dei Sei Giorni) Israele ocupò tutti i territori palestinesi a ovest del Giordano. questa occupazione venne condannata dall'ONU e per decenni l'OPL (Organizzazione per la liberazione della Palestina) si è battuta a favore dei Palestinesi perchè essi possano decidere liberamente il loro destino.
Nel 1993 venne dato il via a un processo di pace con la storica stretta di mano tra il leader palestinese dell'OPL e il ptemier Israeliano. Questo incontro aveva luogo per stipulare un accordo ovvero gli Israeliani avrebbero dovuto restituire i territori occupati nel 1967 in cambio della sicurezzaper lo stato ebraico continuamente minacciato da azioni terroristiche. L'accordo e le trattative di pace saltarono molto presto a causa di un attentato in cui venne ucciso il premier Israeliano. I Palestinesi ripresero quidi la loro ribellione. Israele per svariati motivi costruì un Muro (un motivo era per difendersi dagli attacchi terroristici). Ci furono in seguito svariati tentativi di accordi che non portarono a nessuna soluzione. La situazione è ulteriormente peggiorata con l'elezione del partito di Hamas, che non riconosce lo stato di Israele. Tutti questi problemi vengono chiamati "problemi del Medio Oriente".

LA POPOLAZIONE
L'Asia oltre che essere il più grande è anche il più popoloso continente del Mondo. Con i suoi 4 miliardi cica di abitanti su un area di 45.000.000 Km quadrati raggiunge la densità media di 90 ab/Km quadrati, la più alta del Pianeta. Ospita il 61% della popolazione mondiale. La maggior parte concentrata in Cina, India, Indonesia, Bangladesh, Pakistan e Giappone. Negli ultimi anni la crescita demografica è diventata molto elevata e il tasso di mortalità estremamente diminuito, il tasso di natalità invece è ancora molto alto sebbene in alcuni Paesi molti Paesi abbiano adottato una politica di controllo delle nascite.
Gli abitanti però non sono distribuiti in modo uniforme e omogeneo acausa delle caratteristiche del terrirorio e del clima.
Nelle regioni fredde la punta minima è di 2 persone per chilometro quadrato, in Mongolia, mentre nelle regioni calde o più favorevoli la punta massima è di 5.131 ab/Km quadrati a Singapore.
Le zone con densità elevata quindi sono comprese tra Sud-est asiatico, subcontinente Indiano, Cina centro-orientale, Corea e arcipelago giapponese.
Sono molte le persone che dai villaggi cominciano a trasferirsi nelle città.
external image images?q=tbn:ANd9GcTx5kpRdkioW_6rk1zlThVHaPBkGiIAdDwN2FtYCIhTuQAI_ts_Qg

Ci sono zone con più di 5 milioni di abitanti e alcuni agglomerati urbani che raggiungono i 18 milioni di persone ma in alcune zone di periferia si ammassano abitanti in cerca di lavoro per sfuggire alle estreme condizioni di miseria e povertà.

POPOLI, LINGUE E RELIGIONI
In Asia i gruppi etnici sono contraddistinti per il colore della pelle e per caratteristiche somatiche ma anche per la cultura dei popoli che vi appartengono.
I popoli del continente asiatico appertengono principalmente a due grandi gruppi:
-europoide, a cui appartengono gli abitanti dei popoli compresi tra il Mediterraneo e l'India.
I principali sono il gruppo iraniano, quello anatolico e quello indiano settentrionale e meridionale.
external image images?q=tbn:ANd9GcTEVOZzxdcnOxLAU3xiYqNpiNZtwO2QGQZDalVWF9I5516JOpWH
-mongolide, è principalmente in Asia centrale e orientale.
In prevalenza composto dal gruppo siberiano, tungoso, sinico e turanico.
external image images?q=tbn:ANd9GcTgiI8ePovrlGSDZbRaPT8SW8GPBQdgE7QPtlvaRhioPsKlKu8Z8w
Ci sono, dato il vasto continente, moltissime minoranze etniche.
Il continente è ricco qundi di moltissime varietà di culture ma spesso con grandi problemi di convivenza.
Essendoci molte etnie differenti e trattandosi sempre d un grande continente l'Asia ha anche differenti lingue. Nell'Asia sud-occidentale si parlano le lingue semitiche (la principale lingua semitica è l'arabo). Nell'area compresa tra l'Iran e l'India settentrionale prevakgono le lingue indoeuropee. Nell'India del sud e nell'Asia sud-orientale si parlano le dravidiche e austronesiane. In cina e in Vietnam le sino-tibetane e altaiche in Turchia Mongolia Corea e Giappone.

LE RELIGIONI
external image images?q=tbn:ANd9GcSk3Y77HlAtjGXvUGYTJw0J-zjAHqs3Yb1KOLNR1g60mda2-e5IHw

In Asia sono distribuite tante religioni. Proprio in Asia si sono formate le tre grandi religioni che oggi sono le più diffuse: Cristianesimo, Induismo e Ebraismo. Le altre religioni principali sono Taoismo, Confucianesimo, Buddismo e Shintoismo.
Ci sono uindi moltissimi conflitti ancora in corso. Ricordiamo quello tra Palestinesi (musulmani) e Israeliani (ebrei) oppure la controversia tra musulmani e induisti che ha portato alla creazione di India e Pakistan.
Dal punto di vista della distribuzione la popolazione asiatica è così valutata:
-800 milioni di induisti
-600 milioni di musulmani
-400 milioni di confuciani
-300 milioni di buddisti
external image images?q=tbn:ANd9GcQggM7u-4IRxZIOGGEtLUwLUWXrx_NrTJbhkPXNvsXejSKYw6Izfg


L'ECONOMIA
L'Asia sta sugendo enermi canbiamenti in ambito economico in positivo.
Fino a pochi anni fa il Giappone era l'unico stato altamente industrializzato invece ora altri paesi come Singapore, Corea del sud e Taiwan si sono inseriti nella classifica dei paesi industrializzati.
La crescita economica più elevata si è rilevata in Cina e India, i due paesi più popolati del mondo. In Cina, da alcuni decenni, il governo ha dato il via all'aprtura dei mercati ai capitali esteri e liberazione interna.
Questo a portato a un elevata e accelerata industrializzazione della Cina e un aumento consistente del PIL. Anche l'India viaggia sugli stessi livelli.

Il settore primario: è il settore prevalente nell'economia asiatica. L'agricoltura in alcuni paesi è ancora di sussistenza. L'allevamento occupa un posto immportante, il continente in oltre è ricco di materie prime come petrolio, gas naturali e carbone.

Settore secondario: lo sviluppo di questo settore è maggiore in ambito della siderurgia della meccanica delle armi dell'elettronica e dell'elettricità.

Un fatto da non dimenticare è l'elevto ritmo di crescita e lo sviluppo dei mercati interni di Cina e India dopo la crisi. Questo ha dimostrato che India e Cina possono invertire la tendenza poichè solo nel 2009, un anno dopo l'inizio della crisi, l'industria cinese era salita de 11% e quella indiana del 8%.

Tuttavia la popolazione asiatica risulta molto disomogenea anche in ambito economico. Gran parte della popolazione è occupata ancora nell'agricoltura. Intere regioni vivono nella povertà e nell'arretratezza economica.
Esistono anche moltissime disparità sociali ovvero nei paesi dove c'è stato uno sviluppo tecnologico e industriali si sono aggravati gli squilibri già esistenti.
In alcune aree è intenso il lavoro minorile il livelli di analfabetizzazione. Non vengono rispettati i diritti umani.
Comunque il PIL asiatico è in crescita, anche se rimangono bassi ISU e IPU.